Mitch si racconta e ci racconta “SCEMI DA MATRIMONIO” su TV8: “ci siamo divertiti un sacco, però abbiamo scoperto sul campo che non tutti erano portati a far questo” | INTERVISTA

“Il giorno del matrimonio è il momento sacro per una sposa. E quindi cosa accadrebbe (ci siamo chiesti) se durante l’evento, dove una persona cerca la perfezione, arriva qualcuno a rovinarle quel momento? E da lì, da questa idea che c’ha stuzzicato è arrivata poi l’idea di “Scemi da matrimonio”.

Si apre così la chiacchierata con Mitch Dj, nel presentarci e nel raccontarci “Scemi da matrimonio” (su TV8, in seconda serata e il sabato in replica) un nuovo programma frizzante e irriverente, dove Giovanni Mencarelli in arte Mitch, conosciuto anche come Mitch Dj con Gilberto Penza, in arte Gibba, scompiglieranno feste di matrimonio con scherzi e sorprese rendendole indimenticabili.

Mitch (co-conduttore di “Tutto Esaurito” di Marco Galli, il programma radiofonico più ascoltato d’Italia in onda su Radio 105, nonché volto Mediaset in qualità autore e di inviato de “Le Iene”) ci spiega: “Sono l’uomo degli scherzi, quello che di porte aperte non ne ha mai trovate e che ha sempre dovuto con un “guizzo” e una magia, farsi largo e rivendicare un posto per la sua eclettica creatività. L’idea è nata a tre: Mitch, Gibba e Salvatore Barbato, autore col quale lavoro da tempo. E’ stata un’idea alchemica tra Mitch, specialista di scherzi alle Iene e Gibba, il mago di quelli radiofonici. La nostra è “Sana goliardia” che non va semplicemente a rovinare la festa ma a renderla indimenticabile. Un ricordo fantastico che lascia tutti divertiti e poi, avranno invece del solito video, un girato fantastico!”

Ad accompagnarli in questa avventura, alcuni volti noti come Adriana Volpe, Giovanni Ciacci, Herbert Ballerina, Raffaella Fico, Melita Toniolo e Michela Persico.

Il matrimonio è per gli italiani “La festa” per antonomasia, l’evento clou per il quale si spendono denari ed energie affinché non solo sia perfetto ma più bello di quello della testimone, della cugina, dell’amica del cuore, insomma, una festa che faccia parlare più a lungo possibile. Con “Scemi da Matrimonio”, quella che potrebbe diventare un evento noioso e impegnativo tra cravatte e tacchi alti si trasformerà in una giornata indimenticabile da incorniciare.

Se per molti il giorno del matrimonio è un sogno che si avvera, per tanti (invitati compresi), è un giorno di noia assoluta tra foto e pranzi interminabili. Quindi a movimentare una giornata che si preannuncia faticosa arrivano Mitch e Gibba su TV8 con “Scemi da matrimonio.”

Guarda hai colpito già al segno. Noi volevamo fare un programma che mettesse come protagonista la gente comune, anche perché noi siamo abituati a vivere gli scherzi sui vip, e quando facciamo scherzi alle persone comuni, gli dedichiamo piccoli spazi. Invece in “Scemi da matrimonio”, loro(la gente comune) sono il focus del programma. E ce la siamo giocata, colpendo il matrimonio, ovvero l’evento dove però tutti i protagonisti, cercano di superare quello dell’amico/a, parenti e così via dicendo. E come dicevi tu prima, il giorno del matrimonio è il momento sacro per una sposa. E quindi cosa accadrebbe (ci siamo chiesti) se all’interno di una situazione, dove una persona cerca la perfezione, arrivi qualcuno a rovinare quel momento? E da lì, da questa idea che c’ha stuzzicato, è arrivato poi l’idea di “Scemi da matrimonio”, e tutto il progetto che ci ha portato a creare gli scherzi all’interno dei matrimoni.

Parenti e amici, sono stati vostri complici?

Abbiamo avuto uno sposo che voleva fare uno scherzo alla sposa prima di sposarsi, una sorta di vendetta(sorride), come per dire: “Sei geloso”? allora ti faccio capire al matrimonio che d’orq in poi non devi più esserlo. Quindi abbiamo costruito degli scherzi proprio sulle caratteristiche delle vittime, però alla fine non facciamo altro che creare una svolta, diamo quella ciliegina in più dove non si annoia nessuno. Magari sarà ricordato come il matrimonio dove è accaduta una rissa, dove hanno arrestato lo sposo, e anche per i parenti, rimane un’esperienza di essere(senza saperlo) vittime di uno scherzo. Solo quando ci palesiamo alla fine, si rendono conto che li abbiamo presi in giro.

Sembra cattivo chiederlo, ma quanto vi siete divertiti?

(Sorride), ci siamo divertiti un sacco, però abbiamo scoperto sul campo, che non tutti erano portati a far questo. Nel senso che, la fortuna di questo format a differenza di altri, è che oltre alla tecnologia che usiamo, è che tu hai la possibilità di avere degli operatori a mano di riprendere, avendo così un immagine più a fuoco e di qualità. Questi operatori, non sono altro che le persone che vengono prese per il filmino del matrimonio, al quale chiedevamo di essere nostri complici e di unirci per delle inquadrature. Quando poi le spose piangevano, loro tornavano indietro, perché non riuscivano ad essere nostri complici.

Il Marchese del Grillo diceva che: “Quando si scherza bisogna esse seri!”. Un po’ come è successo a voi, per l’organizzazione del format, ovvero creare scherzi ed organizzarli, ma seguendo le dovute restrizioni a causa della pandemia. Giusto?

Esatto, esatto. Non ti nego che è stata un impresa al limite dell’impossibile, perché il cast era continuamente sottoposto ai test e a tutti i controlli sanitari. Noi siamo partiti nel 2019 con il fare gli scherzi, e anni fa si prendeva una macchina, e anche in cinque persone, si partiva e via. Adesso anche se eravamo in cinque dovevamo prendere due macchine. In un periodo poi dove quasi la totalità dei matrimoni sono stati rinviati o annullato, e convincere gli sposi(sposo o sposa), a sostenere un salto nel buio, quindi a fare un programma che non aveva storicità , è stata davvero dura. In molti casi ci siamo dovuti sentir dire: “No ma già abbiam dovuto rimandarlo, o ridurre gli invitati, “ ecc…., però alla fine ci siamo riusciti a portare a casa il risultato.

Quando ti sei specializzato con gli scherzi?

Sin da piccolo ho sempre realizzato scherzi, poi sul web anche ho iniziato, ma è con il programma “Le Iene” che mi son specializzato televisivamente. A livello radiofonico però non faccio scherzi, perché il mio è più un programma di intrattenimento e goliardico.

Ho sempre pensato che dietro una persona o un personaggio che sorride e abbia così tanta voglia di far sorridere le persone, ci siano soggetti “timidi”. Un po’ come il luogo comune sul comico, che lo vuole felice in scena, ma pantofolaio nella sua privacy. Quindi Giovanni, messi da parte i panni di Mitch, com’è? E come si racconterebbe?

Effettivamente hai ragione anche su questo(ridiamo), sono quasi introverso, nel senso che, per me fare gli scherzi e avere una telecamera davanti, è un po’ come Peter Parker che prende e diventa Spiderman. Poi quando entro a casa sono il papà con due figli e così via dicendo. Anche se, non ti nego che dentro di me, dentro il mio DNA, lo scherzo vive costantemente, quindi rido e scherzo anche con i miei bambini. Mentre con le persone sono un po’ più chiuso, infatti tante volte qualcuno può pensare : “Guarda questo come se la mena”, invece sono io io il timido, capito?

Quindi Mitch e Giovanni, alla fine si completano cosi’

Si, si come il Dottor Jekyll e Mister Hyde.

Ricordiamo quindi l’appuntamento su TV8 con Mitch e Gibba in
Scemi da Matrimonio: “Come rendere indimenticabile una festa di Matrimonio
…E se qualcosa andasse storto?”

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 37. Amante della scrittura. Articolista per M Social Magazine Articolista per il Quotidiano LaSicila Collaboratrice per il Magazine Cherrypress e per la testata locale Rivista Zoom Sezioni di Riferimento Cinema TV Musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *