Sissi allo scoperto sul primo album: “un bellissimo traguardo dopo anni di lavoro” | INTERVISTA

Talentuosa, energica e timida: Silvia Cesana, in arte SISSI, è metaforicamente la principessa di “Amici”, dopo essere salita sul podio della finalissima, con una coccarda prestigiosa griffata “Premio della critica”. Al netto della vittoria finale, l’artista lombarda ha comunque conquistato i favori del pubblico fin dall’audizione che le ha riservato un tripudio unanime da parte dei professori – con scelta finale virata su Lorella Cuccarini. Da lì, poi, le porte dei singoli platinati e iridati, capaci di forgiare l’album “Leggera”, in uscita proprio domani, venerdì 27 maggio, in tutti gli store digitali su etichetta Sugar ma già pre-ordinabile.

“Un album che mi rende particolarmente felice – ci racconta in una rapida intervista telefonica avvenuta oggi per il press day – perché racchiude molte parti di me, ma soprattutto tanto impegno e lavoro svolto prima e dopo Amici”. Perché, infatti, Sissi non è una creatura “superlativa”, a ben sentire Maria De Filippi nella finalissima, ma un puzzle artistico pieno di sudore e fatica, a partire dagli studi duri incentivati da quella mamma forte e gentile Emanuela da cui timidamente sfuggiva nei momenti di canto. Ambizioni silenziose, con Amy Winehouse nel cuore e sulla pelle, proseguite con un’altra grande cassa di risonanza, quella di XFactor che l’ha crogiolata fino ai Live, regalandogli il contratto con la Sugar nel 2019 e l’esperienza delle selezioni a Sanremo Giovani nel 2020. Ma fu inconsapevolmente solo un punto di partenza per il successo: “nonostante la delusione, ho continuato a fare tanta musica, con la speranza di abbracciare più pubblico possibile e la bellissima scuola di Amici è stata una grande opportunità”.

Palla al balzo, insomma, colta alla grande da Silvia, nella quale ha saputo concentrarsi ma anche trovare comprensione e amore da parte di Dario. Ma com’è riuscita a mantenere alta l’attenzione, senza farsi distrarre? “Perché siamo entrambi molto concentrati verso ciò che facciamo e ci siamo sostenuti a vicenda con reciproci consigli anche se io ad esempio mi intendessi molto poco di danza”. Uno “starsi vicino” dolce e riservato, senza troppe luci dei riflettori addosso se non ora su martellanti domande giornalistiche, che fa viaggiare ancor più in maniera “leggera” la giovane cantante di Merone, verso le nuove avventure artistiche. Infatti da domani alle 15 l’attenderà Torino, col primo dei 7 instore previsti fra fine Maggio e inizio Giugno (nel dettaglio sabato 28 a Bologna, domenica 29 a Padova, martedì 31 a Roma e mercoledì 1 a Milano sempre alle 15 nei centrali negozi Mondadori Bookstore), ma la mente è già rivolta all’ennesimo day after, quello dei live. “Oltre al desiderio di abbracciarmi tutte le persone che verranno nei vari firmacopie, ho tantissima voglia di fare live in questa ritrovata normalità che nemmeno mi aspettavo di ritrovare fuori dalla casetta”. Insomma Sissi, dopo aver vigilato nella sua temporanea fortezza, è pronta a prendersi il proprio regno musicale, dopo il vessillo erto a Times Square per la campagna Equal di Spotify qualche giorno fa, con un forte senso di leggerezza e ambizione che pervade i millennians e li rende, a poco a poco, icone di una nuova realtà storica.

Luca Fortunato

Nato con la 'penna' all'ombra del Colosseo, sono giornalista pubblicista nell'OdG del Lazio. Accanto alle cronache del mio Municipio con il magazine La Quarta, alterno le mie passioni per la musica e il calcio, scrivendo per alcune testate online (M Social Magazine e SuperNews), senza dimenticare il mio habitat universitario. Lì ho conseguito una laurea triennale in Comunicazione a La Sapienza e scrivo per il mensile Universitario Roma. Frase preferita? "Scrivere è un ozio affaccendato" (Goethe).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.