A Christmas Carol, con Roberto Ciufoli al Teatro Nuovo di Milano il 19 e 20 novembre

Arriva il Musical A Christmas Carol, al Teatro Nuovo di Piazza di Milano, il 19 e il 20 novembre.

Si tratta di una produzione della Compagnia d’Alba, diretta da Fabrizio Angelini e Gabriele de Guglielmo, reduce dal successo del tour di “Tutti Insieme appassionatamente”, con Roberto Ciufoli nel ruolo di Ebenezer Scrooge.

A Christams Carol, adattamento del celebre romanzo di Charles Dickens, andrà in scena per la prima volta in Italia, con le musiche originali del compositore statunitense Alan Menken, autore tra l’altro delle musiche de La Bella e la Bestia, La Sirenetta, Aladin.

La storia

Ebenezer Scrooge, un ricco e avaro uomo d’affari, interpretato da Roberto Ciufoli, alla vigilia di Natale del 1843, chiusa la sua bottega a Londra, si reca solitario verso la propria dimora mentre tutti si accingono a festeggiare la ricorrenza. Egli mal sopporta questa festività ma, durante la notte, riceve la visita di tre spiriti: quello del Natale Passato, quello del Natale Presente e quello del Natale Futuro. Tra flashback e premonizioni, riusciranno a mutare la sua indole meschina ed egoista. Scrooge si risveglierà la mattina di Natale con la consapevolezza che l’avidità del denaro e l’attaccamento alle sole cose materiali sono sbagliati: finalmente la carità e la fratellanza si faranno largo nel cuore del vecchio usuraio, che per la prima volta trascorrerà il Natale con il nipote Fred e la sua famiglia.

Al fianco di Roberto Ciufoli, molti performer storici della Compagnia dell’Alba, a cui si aggiunge un cast di bambini, tutti diretti da Fabrizio Angelini, che cura anche le coreografie. La direzione musicale è invece affidata al maestro Gabriele De Guglielmo.

 

Monica Landro

Studi classici, una laurea in Lettere e Filosofia e un tesserino dell'Ordine dei Giornalisti. Questo è il CV in estrema sintesi. Ma quello che veramente mi descrive è l'amore per la musica, per i libri, il teatro e i viaggi. Amo cucinare le torte e prendermi cura delle mie piante. Odio i calcoli matematici, le percentuali e i problemi di geometria. Amo stare in mezzo alla gente ma amo ancora di più stare con me stessa. Amo la Sicilia, i suoi colori, sapori e tramonti. Ogni volta che la vita mi sembra difficile, cerco di raggiungere uno scoglio, mi siedo e ne parlo con il mare.