Da Giusy Ferreri a J Ax, passando per Le Deva e Roberto Zampaglione: se non son tormenti saran tormentoni!

Tra poco più di 48 ore avverrà ciò che molti sperano mentre altri pregano non accada mai, il solstizio d’estate, tra i fenomeni più affascinanti e celebrati dall’uomo sin dalla notte dei tempi. Finalmente entreremo nella cosiddetta “bella stagione”, sempre che la si possa considerare tale!!! Il Sole, è risaputo, fa male alla pelle e nuoce gravemente alla salute (mentale) specialmente di coloro che in inverno scongiurano il freddo e durante l’estate lo implorano. Ma cosa vi passa per l’anticamera del cervello?! Sicuramente nulla di sensato! Ah, l’estate, tempo di amori nati e già finiti, momento di grandi ritorni e nostalgie, di notti brave e delle lunghe passeggiate in riva al mare di emozioni che ci portiamo dentro. Per i maschietti la regola è sempre la stessa: gli slip bianchi, quegli orrendi costumini striminziti che lasciano intravedere tutto, il più delle volte il niente, risparmiateveli.

Per le donne, invece, se siete l’ignara gemella di Ursula, la Strega del mare, e pretendete di essere come Ariel, la Sirenetta, sarà meglio un burqa al posto del bikini. Un po’ di decenza, grazie!

In quanto alla mia prova costume, ancora una volta mi ha regalato uno stato d’ansia persistente neanche fossi in punto di morte, dato che anche quest’anno mi vanno bene giusto le infradito, Louboutins naturalmente.

Tornando a noi, gli immancabili tormentoni, quei brani vecchi e nuovi di grandi stelle e meteorine di incerta fama e dubbio talento, canti visti e rivisti, accompagnati da melodie scopiazzate qua e là (tanto basta che siano orecchiabili), canzoni fresche e leggere, dai toni futili e dai temi inutili, sono divenuti il simbolo per ‘eccellenza’ dell’estate, quando, in realtà, sono autentici tormenti punto e basta!

Perché puntare ad essere memorabili se certamente a settembre non se le ricorderà più nessuno? Diamoci un taglio, qui di novità sembra non esserci la men che minima traccia, musicale per intenderci. Non sono solito sparare a zero, ma sentendo chi e cosa passano in radio la tentazione un po’ mi viene, e così, per festeggiare l’inizio delle vacanze, oggi parlerò di musica e di chi, invece che strimpellare inutilmente o cantare pietosamente, farebbe prima a cambiare mestiere!

Dopo averci ammorbato con Amore e Capoeira, Giusy Ferreri, l’improbabile regina delle classifiche nostrane, è tornata con Jambo (ft. Takagi&KetraOMI): “E non c’è bisogno di niente”, e sicuramente neanche di lei aggiungerei!

Ho quasi avuto un attacco di Ipocondria ascoltando il nuovo singolo di Ultimo, pensavo di aver danneggiato irrimediabilmente il mio udito! E come se non fossimo già stati torturati abbastanza, arriva Arisa con la sua Tam Tam. Come dimenticarsi degli splendidi versi (ironicamente parlando) “Non puoi non credere, non puoi non cedere, non puoi resistere, è formidabile, TAMTAMTAMBANGBANGBANGBUMBUM, questo è il messaggio tu lo capisci o no”. Sinceramente no, questa volta Rosalba proprio non ti seguo!

J-Ax, dal Mediterraneo, ci invita a ballare ad Ostia Lido ma io preferisco restarmene a bordo piscina a scolarmi un Tequila e San Miguel in compagnia di Loredana Bertè.

Benji&Fede si chiedono Dove e Quando, mentre l’unica cosa che io mi domanderei, fossi in loro, è “Perché?!”. Terminata la moda di nominare le città all’interno dei propri testi, i Thegiornalisti passano ai calciatori e ci riprovano con Maradona Y Pelé, fallendo miseramente. Chiara Galiazzo parla di Pioggia Viola, per caso è daltonica?!

Achille Lauro e Boss Doms & Frenetik&Orang3 ci riportano nel 1969, sebbene io abbia una vaga idea su dove poterli mandare, in una stanza insonorizzata indubbiamente, per non ascoltarli più!!! Non voglio Pensare male, lo fanno già i The Kolors&Elodie, tuttavia non potevo aspettarmi Un’altra cosa da loro, e nemmeno da Gabbani. Come Francesco Renga, confido sempre che qualcuno Prima o poi mi sorprenda e, quando meno me lo immagino, fortunatamente (seppur raramente) accade.

Alessandra Amoroso balla sulle note di un Mambo Salentino, perciò tutti in pista! Le mitiche Le Deva, il quartetto tutto al femminile composto da Laura Bono, Verdiana, Greta e Roberta Pompa, volano a Shanghai tra sonorità pop e tanta ironia. Tornate presto, altrimenti vi raggiungo io!!!

Semmai dovessi stilare una mia ipotetica classifica, dedicherei il podio a Dolceamaro di Barbara d’Urso, in collaborazione con Cristiano Malgioglio, ma avendo lei già concluso una stagione televisiva di grandissimo successo sotto ogni punto di vista, Lady Share dovrà accontentarsi di lasciar spazio a Roberto Zampaglione che con “Fammi fare l’amore” (ft. Lady Tabata) ci sprona a goderci l’estate, rilassandoci lontani dalla nostra tediosa quotidianità e dai mostruosi social network, per ritrovare la bellezza di rapporti veri. Un messaggio bellissimo e raro attualmente, un motivo in più per non perderselo. Buon ascolto!!!

Simone Di Matteo

Simone Di Matteo, curatore della DiamonD EditricE, autore, scrittore e illustratore grafico è tra i più giovani editori italiani. I suoi racconti sono presenti in diverse antologie.Nel 2016 partecipa con Tina Cipollari alla V edizione del reality show Pechino Express in onda su Rai2 formando la coppia degli Spostati. Dopo Furore (tornato in onda in prima serata su RAI2 nel marzo 2017) 
è tra gli ospiti del nuovo esperimento sociale in onda su Rai4 Social House. Attualmente è impegnato in una missione segretissima a favore della pace nel mondo. Web: www.simonedimatteo.com