Torta salata radicchio, noci e formaggio di anacardi | Vegan | Filippo Prime

Nonostante sia già primavera il tempo in questi ultimi giorni continua a fare qualche capriccio. A me sembra sia tornato nuovamente l’autunno, forse perché c’è questo velo di malinconia che abbraccia tutti noi. Dato che il tempo passato in casa non manca oggi ho fatto la pasta brisé, il mio amato formaggio di anacardi e li ho usati per fare la ricetta che oggi vi propongo.

INGREDIENTI

Per la pasta brisé

  • 380gr di farina
  • 120gr olio di semi
  • 120gr acqua
  • 16gr lievito istantaneo per ricette salate

Per il ripieno

  • 750gr radicchio rosso
  • 250gr formaggio di anacardi
    (Ricetta nei miei articoli precedenti)
  • 200gr patate lesse
  • 80gr gherigli di noce
  • 100ml vino rosso
  • 1 scalogno
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale fino qb
  • Olio EVO qb
  • Pepe nero in polvere qb

PROCEDIMENTO

In una padella antiaderente unite lo scalogno e l’aglio tritati finemente con un generoso filo d’olio. Fate soffriggere per qualche minuto quindi versate il radicchio precedentemente mondato e tagliato a julienne.

Lasciate cuocere a fuoco vivace per una ventina di minuti, sfumando di tanto in tanto con un po’ di vino. Il radicchio sarà pronto quando sarà bello morbido e asciutto. Lasciate raffreddare e intanto preparare la brisé.

In una terrina versate l’acqua e l’olio. A poco a poco aggiungete, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, la farina mischiata al lievito. Impastate fino ad ottenere un panetto compatto e asciutto.

Prendete due terzi dell’impasto. Stendetelo, allo spessore di qualche millimetro, con l’aiuto di un matterello su un piano di lavoro leggermente infarinato. Ricavate un disco del diametro di 30cm e utilizzatelo per rivestire una teglia rotonda del diametro di 22cm.

Preparate il ripieno unendo in una terrina il radicchio, le patate schiacciate, il formaggio tagliato a piccoli cubetti e 60gr di gherigli tritati grossolanamente. Salate e pepate a piacere e mescolate per amalgamare gli ingredienti.

Trasferite il ripieno nella teglia e livellate la superficie. Stendete il rimanente della pasta e ricavatene un disco del diametro di 22 cm. Adagiatelo sopra il ripieno e con un coltellino appuntito incidete dei rombi sulla pasta per ottenere l’effetto crostata. Ripiegate verso il centro il bordo della torta.

Se preferite una decorazione meno laboriosa ricavate delle semplici striscioline dalla seconda parte d’impasto e usatele per formare la classica graticola. Cospargete la superficie con il rimanente dei gherigli e infornate a 170°C per 30 minuti.

Filippo Prime - VeganQuantoBasta

Chef Vegano per passione e per lavoro. Propongo ricette che hanno come filo conduttore il gusto, la tradizione e la semplicità. Seguitemi su Instagram @vegan.qb e su Facebook