Abitazioni sostenibili: la casa del futuro è a impatto zero

Oggi si sente spesso parlare di sostenibilità ambientale, al punto che questo tema pervade ogni aspetto della nostra quotidianità. Basti pensare, per esempio, alla mobilità elettrica, alla raccolta differenziata e all’attenzione nei confronti degli sprechi di luce e gas, oltre che di cibo. Ebbene, anche l’edilizia entra a far parte di questo ambito, con le abitazioni sostenibili, perchè la casa del futuro è a impatto zero.

Ecosostenibilità, efficienza e risparmio

L’edilizia sostenibile presenta soltanto vantaggi, al punto che nel futuro tutte le case rispetteranno i suoi dogmi. Per prima cosa, non si può non partire dal risparmio energetico. Una casa rispettosa dell’ambiente, infatti, consuma poca energia, abbatte gli sprechi di elettricità, gas e risorse idriche, ed è sostenibile per via dello sfruttamento di risorse energetiche rinnovabili, come nel caso dell’installazione di un impianto geotermico domestico, o dei pannelli solari. Naturalmente l’ecosostenibilità si traduce anche in un notevole risparmio economico: la possibilità di poter contare su queste soluzioni, non a caso, riduce gli importi in bolletta e va incontro alle necessità finanziarie delle famiglie. Per approfondire questi vantaggi è possibile informarsi leggendo la guida sulla bioedilizia di VIVI energia, uno dei fornitori impegnato nella salvaguardia delle risorse naturali e nella riduzione degli sprechi energetici. Al suo interno vengono approfondite, infatti, alcune informazioni fondamentali, che aiutano chi legge a farsi un’idea più chiara sul concetto di casa sostenibile.

Le tecniche della bioedilizia

La bioedilizia permette la creazione di case perfettamente in linea con le esigenze del pianeta e dell’ambiente. Come anticipato, una delle caratteristiche fondamentali di una casa sostenibile è la presenza di un sistema che sfrutta le fonti rinnovabili, come nel caso del fotovoltaico. In secondo luogo, la costruzione avviene impiegando soltanto materiali sicuri per l’ambiente. Le tecniche della bioedilizia prevedono anche la presenza di una classificazione energetica elevata: le abitazioni di questo tipo, infatti, sono coibentate e impediscono le fughe di calore, riducendo così gli sprechi di energia, e ciò aiuta a diminuire i costi da pagare in bolletta e a tutelare le risorse naturali. Per ultimo, è doveroso fare un riferimento alla componente estetica delle abitazioni sostenibili: queste, infatti, sono progettate per avere un impatto molto soft sull’ambiente circostante, per questo si cerca di adattarle il più possibile al paesaggio, con risultati spesso sorprendenti.

materiali del futuro

I materiali usati nella realizzazione delle abitazioni ecosostenibili sono vari, uno fra tutti la malta mixata alla canapa. Naturalmente il legno diventa un grande protagonista di queste abitazioni, ed è una regola generale che coinvolge tutti i materiali sicuri per l’ambiente e per le persone che abitano le case. Per quel che riguarda le vernici, si utilizzano quelle atossiche a base di acqua. Il legno, invece, possiede sempre la certificazione FSC, quindi proviene da aree boschive soggette a una costante sostituzione degli arbusti abbattuti. Per quel che riguarda i materiali del futuro, ecco il mix di argilla e sabbia o terra cruda, insieme ad altre opzioni come la fibra di cellulosa e il cosiddetto legno-cemento, che in verità vengono utilizzati già oggi.

Redazione

Redazione editoriale "M Social Magazine" - www.emmepress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *